Reportage

alessandro
12 06 2019
Graffiti
11 06 2019
Cercare nelle screpolature, nelle macchie di colore………….
NO ALLE GRANDI NAVI A VENEZIA
09 06 2019
Con questo reportage intendo illustrare la protesta, svoltasi a Venezia oggi 8 giugno 2019, contro le grandi navi a Venezia. Non s'era mai vista tanta partecipazione per eventi del genere, che pure a Venezia sono stati numerosi.
La croce del Mar di Capanne simbolo di Porto Azzurro
07 06 2019
Nel 1900 Portolongone era appena uscito dalla crisi; ci riuscì grazie all'impegno d'un sindaco, Domenico d'Apollo. C'erano pochi soldi, e anche la chiesa non navigava nell'oro. Il parroco, un giovane longonese di ricca famiglia, don Eugenio Perez, era di salute cagionevole; lo affiancava, però, un intraprendente Comitato. Quell'anno il papa, l'ultranovantenne Leone XIII, in occasione del Giubileo, suggerì d'innalzare monumenti sui monti d'Italia al fine di celebrare la Redenzione; il tutto a discrezione del parroco. Le finanze locali non lo permettevano: per prima cosa avrebbero dovuto aprire l'asilo. Passarono gli anni, cambiarono anche i preti; ma poi ci si mise la Guerra, la Grande Guerra. Don Carlo, parroco dal 1911, riprese in mano l'invito: pareva una bella idea, e poi quel monte alle spalle del paese sembrava proprio fatto apposta per una Croce. Così, a seguito dei lavori di restauro apportati alla chiesa del Carmine (1929), iniziò a studiare l'impresa: andar su, senza sentieri, mica era facile! Nel 1936, come testimonia la corrispondenza, partì l'ordine per il ferro: la Croce l'avrebbero dovuta vedere da ogni punto; d'altronde sarebbe stata alta 12 metri. Un anno dopo, nel '37, dopo giornate di mancata pesca, don Carlo pensò bene d'affidare l'incarico ai tanti pescatori della marina: la ricompensa avrebbe fatto comodo. Oltre venti uomini, con qualche asino, funi e carrucole riuscirono dunque a portar su, pezzo per pezzo, il futuro simbolo. Ci vollero quasi due giorni di lavoro, d'estenuante lavoro. Ad opera compiuta, gli indefessi pescatori si presentarono felici da don Carlo; e chi si era dimenticato della ricompensa? Al prete non mancavano certo le parole, è il suo "mestiere". Tuttavia non aveva messo in conto che i longonesi mica le mandavano a dire. Spiazzato, fu costretto a mantener fede alla promessa! Loro, alla fin fine, non l'hanno buttata giù; ci avrebbe pensato, ottantun'anni dopo, il vento! Le immagini che seguono narrano la storia di alcuni valorosi longonesi che dopo poco più di un anno dal quel 17 gennaio 2018, hanno riportato a braccia e spalle la base della nuova croce simbolo della comunità di Porto Azzurro.
Ciccioni con la gonna
06 06 2019
Spettacolo teatrale, Roma
EXPO 2015 MILANO
06 06 2019
Vedute Stand